The Musical Box

LOU REED & JOHN CALE

LOU REED & JOHN CALE "Songs For Drella" (1990)

Uno sguardo musicale sulla vita di Andy Warhol. E oggi, più che mai, sull'uomo Lewis Allan Reed, in arte LOU REED.

MORPHINE

MORPHINE "Good" (1992)

"Baritone Experience".

BEIRUT

BEIRUT "The Flying Club Cup" (2007)

Zack Condon, un americano dal cuore gitano.

TEMPLE OF THE DOG

TEMPLE OF THE DOG "Temple Of The Dog" (1991)

Una band estemporanea che voleva omaggiare lo scomparso Andrew Wood, personaggio chiave del movimento Grunge e cantante dei MLB.

  • LOU REED & JOHN CALE

    LOU REED & JOHN CALE "Songs For Drella" (1990)

  • MORPHINE

    MORPHINE "Good" (1992)

  • ARAB STRAP

    ARAB STRAP "The Red Thread" (2001)

  • BEIRUT

    BEIRUT "The Flying Club Cup" (2007)

  • TEMPLE OF THE DOG

    TEMPLE OF THE DOG "Temple Of The Dog" (1991)

FAMILY "Music in a Doll's House" (1968)

Scritto da Galeans. Postato in The Musical Box

Innovazioni in una casa per le bambole.


Chi pensa che la corte del re Cremisi abbia introdotto il rock progressivo nella storia della musica, dovrà ricredersi all'ascolto della musica all'interno di una casa per le bambole. Detto, in termini più umani, spesso si sente dire che In The Court of the Crimson King dei King Crimson (ovviamente), uscito nell'Ottobre del 1969, sia stato il primo vero album progressive rock della storia della musica. Per quanto questo album sia un capolavoro, infinitamente bello e infinitamente influente e innovativo, un ascolto a Music in a Doll's House, il primo album dei Family, altrettanto bello e uscito 15 mesi prima, nel Luglio del 1968, sfata immediatamente questo mito. I Family sono stati, infatti, uno dei gruppi più importanti della fine anni 60/inizio anni 70, e, sebbene all'epoca fossero uno dei gruppi più amati in patria (con personaggi come Peter Gabriel, Ian Anderson e John Peel avidi sostenitori della band), abbiano registrato la bellezza di 26 BBC sessions (un record che, personalmente, ho visto battuto solo dai Beatles) e abbiano avuto al loro interno vere e proprie leggende musicali come Roger Chapman,Ric Grech e John Wetton, oggi risultano un nome sconosciuto dalle masse e conosciuto, più che altro, dagli estimatori di questo particolare tipo di musica.
I Family sono nati a Leicester più o meno a fine 1966, dalle ceneri del gruppo R&B The Farinas. I membri di questa prima formazione erano il cantante Roger Chapman (dotato di un timbro particolarissimo e inimitabile che, in alcuni casi, può essere a primo ascolto indigesto ma, in realtà, eccellente e assolutamente unico), il chitarrista John Whitney (detto Charlie) che, insieme, rappresentavano la vera mente del gruppo, il polistrumentista Ric Grech al basso e al violino, il fiatista Jim King (dotato, anche lui, di una interessante voce, spesso usata per dei particolarissimi cori) e, infine, il batterista Harry Ovenall. Questa formazione pubblica, nell'Ottobre del 1967, il suo primo 45 giri, intitolato Scene From The Eye of a Lens, un interessante brano che, nonostante sia legato alle sonorità tipicamente psichedeliche dell'epoca, non pecca certo di banalità (il lato B, Gypsy Woman, è un gradevole e trascinante rock blues guidato dalla cassa di batteria di Ovenall e dalla voce di Chapman).
Poco dopo la pubblicazione del singolo, Ovenall esce e viene rimpiazzato dal formidabile Rob Townsend, batterista seminale che ha influenzato nomi come Phil Collins, Michael Giles e John Mayhew. Il gruppo viene quindi messo sotto contratto dalla Reprise Records e a inizio 1968, comincia ad incidere il suo primo album. Inizialmente, il ruolo di produttore era affidato a Jimmy Miller, che però, preso abbandona per accettare l'offerta dei Rolling Stones di produrre il loro album Beggar's Banquet. Viene quindi sostituito da Dave Mason dei Traffic, che si dimostrerà essenziale per la produzione dell'album, contribuendo a diversi arrangiamenti, suonando il mellotron e addirittura scrivendo un brano. Come già citato, quindi, nel Luglio del 1968 esce finalmente il prodotto finito, intitolato Music in a Doll's House. Una curiosità: nello stesso periodo, doveva uscire un album dei Beatles intitolato "A Doll's House". I quattro baronetti Liverpooliani, però, in seguito all'esistenza di questo disco, cancellarono il titolo dell'album, lasciando solo il nome del gruppo sulla copertina. Si tratta, ovviamente, di quella bellissima opera che viene volgarmente chiamata "White Album". Tutti i brani del disco sono stati composti da Chapman e Whitney, tranne dove indicato.

 

Side A:

(17:10)

The Chase (2:13)

Siamo all'interno della casa di bambole e l'atmosfera è, come previsto, già tutt'altro che amichevole. L'album inizia, infatti, con un brano che parla di una persona che pensa di essere pedinata. L'apertura del brano è affidata ad un'inquietante melodia vocale affidata al doppio canto di King e Chapman che lascia spazio al vibrato caprino di quest'ultimo. Una sezione centrale dominata dai fiati e dalla frenetica batteria jazzata di Townsend dà l'idea dell'inseguimento, mentre alcuni cori e fiati dissonanti sparsi per il brano danno l'idea dell'inquietudine causata dall'inseguimento. Eccellente il finale con un fade out in progressiva accelerazione che sfocia, senza soluzione di continuità, in...

Mellowing Grey (2:47)

Il brano è più quieto del precedente, con chitarre acustiche, mellotron, violini e campanelli a girare completamente l'atmosfera. Se la frenesia, però, se ne andata, l'inquietudine non l'ha fatto. L'interpretazione vocale di Chapman è assolutamente malinconica e inquieta, quasi apocalittica. Ciò nonostante, questo brano aiuta a riprendersi un po' dal violento morso che ci è stato dato subito in apertura all'album.

Never Like This (2:18)

Composta dal produttore Dave Mason, "Never Like This" è un brano essenzialmente pop con atmosfere blues, tipico dell'epoca. Se la composizione non è geniale, lo è l'arrangiamento, che mischia sapientemente l'armonica di Chapman con il violino di Grech. Tutto sommato, un buon brano, non tra i migliori del disco, ma che sicuramente ha il suo spazio. Roger Chapman, comunque, pare non essere della stessa opinione. Sul suo sito, rispondendo ad un fan dichiara che "la canzone di Dave Mason non è stata scritta specificatamente per il disco, credo che fosse qualcosa che aveva lì. A dire il vero, mi sono lamentato aspramente di quel brano, lo odiavo e pensavo che fosse una canzone orrenda che non aveva niente a che fare con noi o le nostre idee. Penso che i Traffic fossero della stessa opinione, probabilmente il vero motivo per cui aveva lì quella canzone. Ma, ovviamente, i manager sono i manager!".

Me My Friend (2:01)

Il tema del brano è affidato alla tromba di Jim King e la voce solista in questo brano è affidata a Ric Grech, che canta le strofe, mentre Chapman si limita a cantare il ritornello. Sebbene il brano sia di fattura molto buona (da notare il contrasto tra la voce calda e rassicurante di Grech e quella paranoica e psicotica di Chapman), questo è uno dei pochi casi dove la produzione di Mason non beneficia affatto. L'intero brano è, infatti, manipolato tramite l'uso di phasing e flanger. Il risultato è qualcosa di tipicamente legato all'epoca che oggi suona inevitabilmente datato. Nel fade-out, il brano si scontra violentemente con uno dei tre intermezzi inseriti nel disco.

Variation on a theme of "Hey Mr. Policeman" (:25)

Meno di 30 secondi, ma piuttosto intenso. Si tratta di una variazione di un brano presente sul lato B e sembra essere un'estratto di una frenetica jam, nella quale spicca il drumming di Townsend. Bello, chissà se ne esiste ancora una versione completa (o se è stato registrato altro oltre a questo breve frammento).

Winter (2:26)

"Il tempo di Inverno mi tiene giù di morale, vento gelido e neve per i marciapiedi", si lamenta Chapman. Nonostante tutto, però il brano risulta abbastanza rassicurante e pacato. Pianoforte, violino e tromba sono la ricetta di un ottimo brano riposa orecchie, il cui unico elemento inquietante è il controcanto di King, udibile solo tramite riverbero durante le strofe. Nel fade out, suoni di bufera.

Old Songs New Songs (4:18)

Dominato dall'armonica di Chapman, "Old Songs New Songs" è il classico brano dove il gruppo può sbizzarrsi in jam, cosa che farà nel finale. Poderosa la sezione ritmica del brano, eccellente l'interpretazione vocale di Chapman (il ritornello trasforma questa "semplice" canzone rock in un vero e proprio inno) e favoloso assolo di chitarra di Whitney nella coda. Un esempio di come un buon brano possa diventare davvero eccellente, quando eseguito e arrangiato nella maniera giusta.

Variation on a theme of "The Breeze" (:39)

Chiusura del lato A. Se le altre due variazioni contenenti nel disco suonano curiose, questa tende, invece, a banalizzare e rendere più convenzionale uno dei brani più interessanti dell'album. Probabilmente l'unica (leggerissima) macchia del primo lato, ma d'altra parte, sono solo 40 secondi scarsi.

Side B:

(19:55)

Hey Mr. Policeman (3:14)

Brano scritto in collaborazione con Grech dal solito duo Chapman/Whitney, "Hey Mr. Policeman" apre la suite non dichiarata che si trova sul lato B del disco. Tutti i brani infatti, sfociano l'uno dentro l'altro e suonano perfettamente compatti insieme. Musicalmente, è un buon blues, con un testo piuttosto inquietante ("Signor poliziotto, per favore, lasciamela vedere ancora una volta, prima che vada in carcere. Ho ucciso per quella donna"). Ancora una volta, la voce di Chapman è un punto alto: quieta, pacata e ciò nonostante, assolutamente inquietante e paranoica. Ottima anche la batteria di Townsend. Nel termine del brano, dei suoni dissonanti prendono il sopravvento per lasciare spazio al brano seguente.

See Through Windows (3:44)

Bellissimo brano che dimostra perfettamente cosa intendiamo per progressive rock (ricordiamolo, prima dei King Crimson). Poderosa melodia eseguita prima alla chitarra e successivamente doppiata dall'armonica, che lascia spazio alla potentissima voce di Chapman. Il tutto accentuato da uno degli arrangiamenti di batteria più belli e sofisticati mai scritti da un gruppo dell'epoca. Qualche virtuosismo di Whitney alla chitarra, che si ritaglia il suo spazio nel finale del brano.

Variation on a theme of "Me My Friend" (:22)

Il tema del quarto brano del primo lato viene reso quasi totalmente irriconoscibile grazie all'uso di un sitar che suona la melodia spostandone gli accenti.

Peace of Mind (2:19)

Un altro brano eccellente. Splendida la melodia vocale e l'incidere maestoso della base strumentale, impreziosita dal violino di Grech. Nel ritornello, il controcanto non è femminile, ma è opera di Jim King, che dimostra la sua grandissima estensione vocale. Come per "Old Songs New Songs", le voci rendono il finale del brano un vero e proprio inno.

Voyage (3:38)

Il riverbero dell'ultima nota del brano precedente non è ancora terminato che, minaccioso, si avvicina sempre di più il violino di Grech. La voce di Chapman è in doppia pista, ma in uno dei due canali suona bizzarra, come leggermente rallentata. Dei suoni minacciosi (note prolungate di violino distorto) appaiono tra una strofa e l'altra e una stralunata sezione strumentale, parzialmente atonale, compare a metà brano. Il nastro viene rallentato nell'ultima nota di ogni ritornello, cambiandone la tonalità. Il finale del brano è affidato ai suoni di volino distorto, con un mellotron che suona una melodia spettrale. Ascoltando al contrario tale melodia, ci si accorge che non è altro che la traccia di tale strumento tratta dalla sezione centrale del pezzo riprodotta a rovescio. Probabilmente, il brano che preferisco dell'album.

The Breeze (2:50)

La necessaria quiete dopo la tempesta. In questo caso, però, il livello della composizione è tanto alto quanto quello che abbiamo appena sentito. La parte di batteria consiste solamente in un ritmico colpo sul bordo del rullante come ad emulare un metronomo o, più probabilmente, un orologio (cosa dimostrata anche dalla melodia che suona in pizzicato Ric Grech sul violino, tra una strofa all'altra). Ottime sonorità offerte dalla chitarra in wah-wah, dal violino e dai fiati. Forse l'unico vero brano rilassante dell'album.

3 X Time (3:49)

Si arriva così alla conclusione del disco. L'incipit, affidato alla chitarra acustica e al sassofono, farebbe pensare ad una profonda e malinconica ballata. Dopo un minuto e mezzo, però, i toni cambiano bruscamente e il brano si trasforma in una giga ubriaca e goffa, con sassofoni fuori tono tra di loro e kazoo. Una breve sezione strumentale cerca di riportare il brano alla serietà (senza molto successo), ma poco dopo, la giga ritorna, più scanzonata di prima. L'ultima nota della giga viene troncata bruscamente e dopo un paio di secondi di silenzio, inizia una brevissima (10 secondi) versione ubriaca dell'inno Inglese "God Save The Queen", e su questo, il disco termina. Un modo un po' enigmatico di chiudere il disco, ma comunque eccellente e che dimostra che il gruppo, oltre a essere maestro degli arrangiamenti e della composizione aveva anche senso dell'umorismo.

Nel Marzo del 1969 esce il secondo album, l'ottimo"Family Entertainment". Nonostante l'album sia di fattura eccellente, il tour Americano si dimostra un disastro, soprattutto a causa di un incidente con Bill Graham, il direttore del Fillmore East. Inoltre, la droga rende sempre di più instabile il comportamento di Jim King che viene fatto allontanare e Ric Grech lascia il gruppo quasi senza preavviso per unirsi ai Blind Faith di Eric Clapton, Ginger Baker e Steve Windwood, tre dei suoi eroi. Qualsiasi altro gruppo, a questo punto, avrebbe gettato la spugna, ma non i Family. Tuttavia, questa è un'altra storia che vedremo un'altra volta.

Galeans __ su gentile concessione del sito http://gtbtreviews.blogspot.it/ 

The Musical Box Archive Alfabetic order

19-01-2013
A CERTAIN RATIO "The Graveyard And The Ballroom" (1979)

Giungle artificiali. Read more

18-10-2016
ADRIAN BELEW "Lone Rhino" (1982)

Uno spaventoso curriculum per un prodigio di sperimentazione e anarchia sofisticata. Read more

15-01-2013
AMORPHIS "Skyforger" (2009)

Fuoco nella terra dei ghiacci. Read more

17-05-2014
ANGEL OLSEN "Burn Your Fire For No Witness" (2014)

La voce di un sogno dipinto su cristallo. Read more

17-01-2015
ANGELO BADALAMENTI "Soundtrack From Twin Peaks" (1990)

Uno specchio irrazionale che riflette vita. Read more

20-04-2015
ARAB STRAP "The Red Thread" (2001)

Sensualità Carnale. Read more

08-03-2014
ARCHIVE "You All Look The Same To Me" (2002)

Incanto, seduzione e magie senza tempo. Read more

05-05-2014
ARVO PART "Tabula Rasa" (1984)

La sacralità del silenzio. Read more

04-01-2013
AT DRIVE IN "In/Casino/Out" (1998)

Una pietra miliare del post-hardcore, un disco meravigliosamente nostalgico, rabbia e melodia, citazioni colte che fanno pensare direttamente ai cabinati... Read more

17-01-2015
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO "Io Sono Nato Libero" (1973)

Il Prog Letterario. Read more

22-03-2013
BEACH BOYS "Pet Sounds" (1966)

La Sinfonia del Pop. Read more

08-03-2014
BECK "Morning Phase" (2014)

Tumulti ed incertezze mitigate dalla morbidezza di un folk prossimo al sogno. Read more

05-04-2014
BEIRUT "The Flying Club Cup" (2007)

Zack Condon, un americano dal cuore gitano. Read more

28-05-2014
BELLE & SEBASTIAN "If You're Feeling Sinister" (1996)

Sottile poesia, perfido divertissement e melodie intramontabili. Read more

30-08-2016
BEN WATT "North Marine Drive" - "Summer into Winter" (1983)

Una saudade britannica fatta di sale ed oceani, leggiadria e freschezza. Read more

30-10-2014
BLONDE REDHEAD "Melody Of Certain Damaged Lemons" (2000)

New York, Tokyo e l'Italia tra soffici partiture e spigoli no-wave. Read more

11-02-2014
BLUE CHEER "Vincebus Eruptum" (1968)

La San Francisco dei '60, tra psichedelie assortite, hard-rock e proto-punk viscerale. Read more

18-03-2017
BOB DYLAN "1966 Live Recordings" (2017)

Un profeta anticonvenzionale, mai disponibile per i corteggiatori. Read more

26-03-2013
BOB DYLAN "Blood On The Tracks" (1975)

'Il sangue del fanciullo: une histoire d'eau' Read more

24-02-2014
BONNIE 'PRINCE' BILLY "I See A Darkness" (1999)

Solenne inno all'oscurità. Read more

05-02-2013
BRUCE SPRINGSTEEN "Nebraska" (1982)

Strade di ghiaccio, strade di fuoco. Read more

04-04-2016
C.S.I. "Noi non ci saremo - Vol.1 e 2" (2001)

The penultimate Waltz. Read more

19-03-2013
CAN "Monster Movie" (1969)

I pionieri del suono moderno che conta, e conterà finché il rock avrà ragione d'esistere. Read more

05-02-2014
CHARLES MINGUS "The Black Saint And The Sinner Lady" (1963)

Sciamanismo metropolitano. Read more

19-04-2014
CHET FAKER "Built On Glass" (2014)

Vetro che riflette e rivela, frantumandosi in calda emozione. Read more

19-02-2014
CODEINE "Frigid Stars" (1991)

L'onda lenta di New York. Read more

15-01-2013
COWBOY JUNKIES "The Trinity Session" (1993)

Un'idea rarefatta e subliminale del blues nero-americano. Read more

13-03-2014
DAVID BOWIE "The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars" (1972)

Gli Dei erano Astronauti. Read more

05-01-2013
DAVID SYLVIAN "Dead Bees On A Cake" (1999)

Un viaggio nell'anima dei nostri avi. Read more

02-06-2015
DAVID SYLVIAN "Secrets Of The Beehive" (1987)

La penombra della Luce. Read more

14-09-2015
DIRTY THREE "Ocean Songs" (1998)

La voce di un violino tra il silenzio maestoso dei mari. Read more

07-03-2016
DIVINE COMEDY "Regeneration" (2001)

Undici canzoni avvolte in un'ironica malinconia, sospese tra una lacrima, un sorriso, un raggio di sole e una goccia di... Read more

04-01-2013
DREAM SYNDICATE "The Days of Wine and Roses" (1982)

Quando il Sindacato sognava davvero. Read more

12-10-2014
EELS "Beautiful Freak" (1996)

Un piccolo mostriciattolo da cui è difficile staccare lo sguardo. Read more

29-05-2013
ELIO E LE STORIE TESE "L'Album Biango" (2013)

Nulla è gambiato. Read more

21-05-2014
ELLIOTT SMITH "Elliott Smith" (1995)

Un salto nel vuoto o 2 pugnalate non cambiano la sostanza. Read more

13-03-2013
EMERSON, LAKE & PALMER "Emerson, Lake & Palmer" (1970)

Baroque bordello. Read more

27-04-2015
EMIDIO CLEMENTI "Notturno Americano" (2015)

'C'è una forza nelle loro parole, una verità, capaci di evocare un mondo irreale, e quindi perfetto. Un mondo dopo... Read more

18-03-2017
EPIC SOUNDTRACK "Rise Above" (1992)

L'uomo invisibile. Read more

04-02-2013
EXPLOSION IN THE SKY "Those Who Tell The Truth Shall Die,Those Who Tell The Truth Shall Live Forever" (2001)

Perpetuo movimento, rumore sinfonico. Read more

24-01-2013
EXPLOSION IN THE SKY – The Earth Is Not A Cold Dead Place (2003)

Il freddo che riscalda. Read more

20-06-2014
FABRIZIO DE ANDRE' "Non al denaro non all'amore né al cielo" (1971)

Trattato sul come evocare le anime. Read more

13-02-2013
FAMILY "Music in a Doll's House" (1968)

Innovazioni in una casa per le bambole. Read more

14-07-2015
FRANK ZAPPA "Hot Rats" (1969)

Istruzioni per vivere. Read more

03-01-2013
FUCKED UP "David Comes To Life" (2011)

La tormentata vita amorosa di David, un operaio che costruisce lampadine , vessato dalla sfortuna e dalla morte della sua... Read more

12-10-2015
GAVIN BRYARS and TOM WAITS "Jesus' blood never failed me yet" (1993)

74 minuti, una canzone, un album. Un unicum, un'opera che continua ancora a sanguinare. Read more

12-09-2014
GEM CLUB "In Roses" (2014)

Una voce che ondeggia e respira tra le sillabe della sua poesia. Read more

13-02-2013
GENESIS "Nursery Cryme" (1971)

In un'epoca di pensieri veloci, il romanticismo è un delitto. Read more

09-04-2014
GENESIS "The Lamb Lies Down On Broadway" (1974)

I sotterranei infernali di una Broadway grottesca, visionaria, surreale. Read more

19-07-2016
GLEN HANSARD "A Season On The Line" (2016)

Saliscendi emotivi e complessi giochi di anticipazioni e richiami. Read more

12-10-2014
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR "Lift Your Skinny Fists Like Antennas to Heaven" (2000)

Flussi e riflussi infranti in un infinito silenzioso molto simile ad un mosaico vitreo frammentato che si ricompone allo specchio,... Read more

27-12-2012
GOMEZ "Bring It On" (1998)

 Un salto negli 'war babies' degli anni '60. Read more

01-04-2017
GRANDADDY "Last Place" (2017)

Quando le distorsioni e le stravaganze incontrano il Pop e l'elettronica, Jed - il robot alcolista - ricomincia a bere... Read more

19-02-2014
GUIDED BY VOICES "Motivational Jumpsuit" (2014)

La nuova creatura di Robert Pollard, reincarnata nel ruvido primo lustro dei '90. Read more

28-11-2016
HOPE SANDOVAL and The Warm Inventions "Until the Hunter" (2016)

Speranza non muore mai. Read more

18-01-2016
IGGY POP "The Idiot" (1977)

Dostoevskij, Bowie, Ian Curtis e l'Iguana racchiusi entro le mura di una città che segnerà per sempre le sorti del... Read more

02-11-2015
JACO PASTORIUS "Jaco Pastorius" (1976)

Il diamante pazzo del basso con un piede nel rock'n'roll e l'altro nel jazz. Read more

18-02-2013
JANIS JOPLIN "I Got Dem Ol' Kozmic Blues Again Mama!" (1969)

Una figura mossa, un grumo di carne e capelli nel solco degli attimi, un'anima smarrita tra sbuffi furiosi d'energia. Ed... Read more

26-01-2013
JEFF BUCKLEY "Grace" (1994)

Gente pericolosa, i maledetti. Ti spacciano l'inferno, e sembra paradiso. Read more

17-01-2013
JEFFERSON AIRPLANE "After Bathing At Baxter's" (1967)

"Loves You". Read more

15-04-2014
JETHRO TULL "Benefit" (1970)

La leggenda del flautista sull'oceano Rock. Read more

04-01-2016
JOHN LEE HOOKER "House of the Blues" (1959)

La magnifica e dolorosa ipnosi del Blues. Read more

11-05-2015
JOHN MARTYN "Solid Air" (1973)

Un caro amico perduto: Nick Drake; l'altro maledetto trovato: l'alcol. Ombre e luci di uno scenario nel quale prenderà vita... Read more

15-01-2013
JOHN MAYALL and Bluesbreakers "Beano" (1966)

Il manifesto del blues britannico. Read more

02-07-2014
JOHNNY CASH "Unchained" (1996)

Il country e il blues come avventura mistica, come epica della solitudine. Read more

27-12-2012
JONI MITCHELL "Blue" (1971)

Uno dei più grandi dischi folk al femminile. Read more

30-08-2016
JOY DIVISION "An Ideal For Living" (1978)

Il gruppo che trasformò l'inarticolatezza e l'indeterminatezza in concrete e disturbanti impressioni dei più morbosi e intimi desideri.Una musica fisica... Read more

02-01-2013
JULIAN COPE "Fried" (1984)

  Una copertina suggestiva ed inquietante per un disco che continua a brillare di luce propria come ieri. Read more

28-12-2015
KATE BUSH "Never for Ever" (1980)

Quattro ottave di fiaba e stregoneria teatrale. Read more

09-02-2014
KING CRIMSON "In The Court Of The Crimson King" (1969)

Profezie espressioniste a corte. Read more

27-12-2012
KRISTIN HERSH "Hips and Makers" (1994)

Per la leader delle Throwing Muses l'esordio da solista fu una prova di grande sensibilità. In Hips and Makes (1994)... Read more

11-02-2014
LED ZEPPELIN "Led Zeppelin" (1969)

L'incendiario rock impermeabile a mode, generazioni, mutazioni genetiche. Read more

22-12-2015
LEONARD COHEN "Songs Of Leonard Cohen" (1968)

Il succedersi delle parole che si tramuta in poesia musicata. Read more

18-03-2017
LOU REED "New York" (1989)

Il sarcasmo, l'orrore, la decadenza, la poesia, il Rock. Read more

21-06-2014
LOU REED "Rock'n'Roll Animal" (1973)

Un interminabile viaggio verso il Rock. Read more

08-03-2014
LOU REED & JOHN CALE "Songs For Drella" (1990)

Uno sguardo musicale sulla vita di Andy Warhol. E oggi, più che mai, sull'uomo Lewis Allan Reed, in arte LOU... Read more

26-04-2016
LUCIO BATTISTI "Don Giovanni" (1986)

Strabiliante compromesso tra incipienti esigenze mimetiche e lusinghe in itinere all'orecchio dell'ascoltatore. Read more

20-10-2015
LUCIO BATTISTI "Il nostro caro angelo" (1973)

"Può darsi che abbiate udito la musica dell'uomo, ma non la musica della terra. Può darsi che abbiate udito la... Read more

13-03-2014
LUCIO DALLA "Com'è Profondo il Mare" (1977)

Il dei vizi e delle piccole virtù. Read more

01-02-2014
MARK LANEGAN "Blues Funeral" (2012)

La silenziosa Rosa. Read more

14-05-2015
MARK LANEGAN "Phantom Radio" (2014)

Le tenebre rock incontrano la New Wave.  Read more

21-03-2016
MATT ELLIOTT "The Calm Before" (2016)

Quiete (?) prima della tempesta. Read more

21-01-2013
MAZZY STAR "So Tonight That I Might See" (1993)

Una voce che ha in sé cento tramonti, dolori e nostalgie. Read more

28-01-2014
MERCURY REV "Yerself Is Steam" (1991)

Un caos sulfureo shoegazizzante e psichedelico, la cosa più vicina all'LSD audio. Read more

27-12-2012
MOBY GRAPE "Moby Grape" (1967)

Cinque voci senza macchia, cinque penne capaci di scrivere canzoni senza tempo, tre chitarre, l'immagine che ci vuole per diventare... Read more

01-02-2014
MOGWAI "Rave Tapes" (2014)

Il ritorno caldo degli illusionisti del Nord. Read more

17-01-2013
MOJAVE 3 "Excuses For Travellers" (2000)

Viaggio senza tempo. Read more

14-09-2015
MORPHINE "Good" (1992)

"Baritone Experience". Read more

22-02-2014
MORRISSEY "Your Arsenal" (1992)

C'è una luce che non si spegne mai. Read more

05-02-2015
MOTHER GONG "The Owl and the Tree" (1990)

Dea Madrì. Read more

01-03-2016
MOTORPSYCHO "Here Be Monsters" (2016)

Intensi momenti psichedelici. Read more

28-12-2012
MUDHONEY "Superfuzz Bigmuff Plus Early Singles" (1990)

Un inno di flanella per pochi, prima che arrivassero i Nirvana. Read more

29-04-2017
NEIL HALSTEAD "Sleeping On Roads" (2002)

Quella miracolosa commistione di serena mestizia, speranze e rassegnazione, cieli sereni e inquietudini radicate, affidata alle corde della chitarra e... Read more

05-02-2014
NEIL YOUNG "Harvest" (1972)

Mietere, raccogliere. E poi godere. Read more

07-02-2013
NICK DRAKE "Five Leaves Left" (1969)

Perle di minimale poesia dark in musica. Presagi tra inferni e paradisi celati. Read more

23-02-2013
NICK DRAKE "Pink Moon" (1972)

"Nessuno può stare così in alto / La luna rosa ci prenderà tutti." Read more

01-03-2015
NICK DRAKE "Time Of No Reply" (1986)

Grazie fuori dal tempo. Read more

05-08-2015
NICO "Desertshore" (1970)

Il cielo sopra Berlino. Read more

26-10-2015
PAOLO CONTE "Una Faccia In Prestito" (1995)

Ritrovare attimi e frammenti di qualcosa che non sappiamo chiamare o definire. Read more

10-01-2013
PENGUIN CAFE ORCHESTRA "Music From The Penguin Cafe" (1976)

Un mondo armonioso e fatato. Read more